The salt pans of Trapani (Marsala) – Sicily

Italian and English version

What were the windmills of the Saline di Trapani used for?
Until the 1960s, the Windmills imposed themselves on the panorama of the Trapani salt pans. Majestic giants, with a graceful movement, undauntedly challenged the impetuous winds of Trapani. The salt workers were able to use the wind, indispensable for the movement of water to increase the formation of salt, also to be able to raise the countless quantities of water necessary for the production of sea salt. Soon the salt workers realized that they could use the windmills, as well as to pump the sea water into the salt, also to grind the salt. So it is necessary to understand that there were two types of windmill in the salt pans of Trapani: one type for lifting water and another for the salt mill. The Windmills in the Trapani area were also used by activities that did not concern the extraction of salt, and were also built for the milling of wheat.

Some remains are still found in the Trapani hinterland. In the mid-1950s, another type of windmill was introduced in Trapani, the American mill, with 24 blades. This could be installed on the turrets of the existing windmills and was much easier to manage, because it “self-regulated” according to the Wind and the required power.

A cosa servivano i Mulini a Vento delle Saline di Trapani?
Fino a gli anni 60, i Mulini a Vento si imponevano sul panorama delle saline Trapanesi. Giganti maestosi, dal movimento aggraziato, sfidavano imperterriti gli impetuosi venti di Trapani. I salinai riuscivano ad utilizzare il vento, indispensabile per il movimento dell’acqua per incrementare la formazione del sale, anche per riuscire a sollevare le innumerevoli quantità d’acqua necessarie per la produzione del sale marino.  
Ben presto i salinai si accorsero che potevano utilizzare i Mulini a Vento, oltre che per pompare l’acqua di mare in salina, anche per macinare il sale. Quindi è necessario capire che esistevano due tipi di Mulino a Vento nelle saline di Trapani: un tipo per il sollevamento dell’acqua e un’altro per la Macina del sale. I Mulini a Vento nel Trapanese, furono anche usati da attività che non riguardavano l’estrazione del sale, e se ne costruirono anche per la macina del frumento. Se ne trova ancora qualche resto nell’entroterra Trapanese. Verso la metà degli anni 50, a Trapani venne introdotto un’altro tipo di Mulino a Vento, il Mulino Americano, a 24 pale. Questo poteva essere istallato sulle torrette degli esistenti mulini a vento ed era molto più facile da gestire, perché si “autoregolava” in funzione del Vento e della potenza richiesta.
Presentato da Romano Pisciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *